SOCIETA’ DA CAMBIARE. NON RASSEGNAMOCI, PROVIAMO A MIGLIORARCI

Il_CentroIn giro c’è aria di stanca. Disfattisti, polemisti a gettito continuo, pessimisti, catastrofisti e scettici – per non parlare dei nichilisti – sembrano abbondare.

Se c’è qualcosa che non funziona giù un coro di accuse e di infinite polemiche.

Con tutta la comprensione possibile – i problemi ci sono ed è impossibile pensare il contrario – credo però che dietro queste posizioni molto in voga anche nell’opinione pubblica, si nasconda un po’ di pigrizia.

E’ più comodo lamentarsi piuttosto che adoperarsi in prima persona.

Se c’è un fatto realmente grave da denunciare e da smascherare, è far credere ad un popolo che tanto mai nulla potrà cambiare.

Io credo esattamente il contrario e non mi arrendo all’idea che tutto volga al peggio.

Penso piuttosto che un po’ di bene ci sia ovunque. Basta saperlo riconoscere, dargli credito.

Vittorio Gervasi

 

da Il Centro, domenica 13 aprile 2014, “Lettere”

SOCIETA’ DA CAMBIARE. NON RASSEGNAMOCI, PROVIAMO A MIGLIORARCIultima modifica: 2014-06-15T17:57:50+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento