CRISI E BUROCRAZIA. NESSUNO FA PIU’ IMPRESA NEL CARROZZONE ITALIA

Il_Centro.jpgUn quotidiano della provincia di Como racconta che il sindaco di Chiasso ha lanciato una iniziativa per attrarre aziende straniere. Lo slogan è «Benvenuta impresa nella città di Chiasso». Il successo è stato talmente grande che hanno dovuto chiudere anzitempo le adesioni: decisamente troppe, <<il telefono squillava anche di notte>>, raccontano gli organizzatori elvetici.

Ergo, gli italiani sono un popolo in fuga dalla loro terra madre, perché  si sta trasformando ogni giorno di più in matrigna.

Diffuso  pessimismo, elevato livello di burocrazia, innumerevoli balzelli e da ultimo chi deve decidere rinvia o si occupa di tutto ciò che è secondario, per non dire inutile, alimentando infinite polemiche.

E’ chiaro oramai a tutti che abbiamo messo in piedi un carrozzone inutile, ma non mi sembra affatto chiara la volontà di liberarcene in tutta fretta.

 

 da Il Centro, mercoledì 18 settembre 2013

CRISI E BUROCRAZIA. NESSUNO FA PIU’ IMPRESA NEL CARROZZONE ITALIAultima modifica: 2013-09-18T07:20:00+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento