QUALCOSA SI MUOVE E STAVOLTA PUO’ ESSERE SOLO VERO

Il_Tempo_2013_05_11.JPGCaro Direttore,
in Italia abbiamo quasi 1000 parlamentari, 21 ministri, 40 sottosegretari, tutti con un proprio seguito e supportati da una macchina burocratica affollatissima. Non corriamo il rischio che a decidere siano in troppi, affiancati da tanti consiglieri, e che quindi non si decida mai nulla ? È l’inevitabile prezzo che dobbiamo pagare alla democrazia, o è una democrazia che non ha più prezzo ?

 

 Vittorio Gervasi

 

RISPONDE SARINA BIRAGHI – DIRETTORE IL TEMPO

 

Caro Vittorio

il governo delle larghe intese ha messo in agenda tre punti prioritari: riforma economica, riforma della politica, riforma costituzionale. Anche ieri, lo stesso Berlusconi, ha ribadito che occorre fare le riforme e l’esecutivo deve andare avanti proprio con questo obiettivo. Tra le prime cose promesse da Letta c’è proprio la Camera unica e un Senato delle Regioni. Sarà l’occasione buona per calare il numero dei parlamentari ma soprattutto per diminuire i costi della politica, cosa peraltro, già intrapresa con il taglio degli stipendi dei ministri già parlamentari. Insomma qualcosa si muove in questo nostro Paese, in questa nostra democrazia che dovrebbe avere costi in idee, provvedimenti e azioni finalizzati al benessere dei cittadini e non costi materiali sulle spalle dei cittadini.

 

da Il Tempo, sabato 11 maggio 2013, “Lettere&Commenti”

QUALCOSA SI MUOVE E STAVOLTA PUO’ ESSERE SOLO VEROultima modifica: 2013-05-11T07:20:00+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento