LE BATTUTE DI GRILLO NEL VUOTO PNEUMATICO DEGLI ALTRI PARTITI

Il_Tempo_ 15_10_2012.jpgCaro Direttore,

 Beppe Grillo è sbarcato in Sicilia, e in un comizio ricco di enfasi ha dichiarato che <<la Sicilia non ha bisogno dell’Italia>>. C’è da chiedersi a cosa stia pensando. Forse dimentica che la Sicilia gode già di particolari forme di autonomia, in quanto è una regione a statuto speciale e che questa autonomia non è mai stato un modello di buona politica, a tal punto che siamo di nuovo ad elezioni anticipate. Lei afferma nel suo ultimo editoriale che <<Grillo seppellirà i partiti con una risata>> se continueranno sulla strada intrapresa. Io temo però che se la comicità diventerà un programma politico che farà il pieno di consensi, dopo le elezion non avremo più alcun motivo per ridere. Le sarei grato se mi convincesse del contrario.

 
 Vittorio Gervasi

 
 

RISPONDE MARIO SECHI – DIRETTORE IL TEMPO

 
 Caro Vittorio,

la sortita di grillo sulla Sicilia non è stata delle sue migliori. Quando ha affermato che <<per trovare qui 80 candidati incensurati mi sono fatto un c… così>> non ha fatto granchè ridere gli abitanti dell’isola, e qualche suo avversario ha parlato di <<insulti a un intero popolo>>. Ma se riuscirà ad evitare altre battute-boomerang, il comico rischia di sbaragliare tutti. Perché intercetta la feroce amarezza dei cittadini stanchi del vuoto pneumatico degli altri partiti.

 

 
 

 da Il Tempo, lunedì 15 ottobre 2012, “Lettere&Commenti”

 

 

LE BATTUTE DI GRILLO NEL VUOTO PNEUMATICO DEGLI ALTRI PARTITIultima modifica: 2012-10-15T07:20:00+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento