LISTE CIVICHE. NON SONO DEI PARTITI

Il_Tempo_08_10_2012.jpg La vecchia classe politica non solo resiste al cambiamento ma cerca di corrompere anche il linguaggio. La “lista civica” identifica un raggruppamento estraneo alla politica partitica, alla familiarità con i palazzi, avverso alle logiche dei partiti, autofinanziato. Chi ha portato l’Italia verso il baratro non può pensare di appropriarsi di un lessico che non gli appartiene.


Vittorio Gervasi

 


da Il Tempo, lunedì 8 ottobre 2012, rubrica “Lettere&Commenti”

LISTE CIVICHE. NON SONO DEI PARTITIultima modifica: 2012-10-08T07:20:00+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento