SCANDALI E RUBERIE. GLI ITALIANI NON SONO MIGLIORI

Il_Tempo_20_09_2012.jpgNel de profundis che ci sommerge i partiti hanno grandi responsabilità, ma spesso i cittadini non sono da meno. Alle elezioni politiche le liste sono bloccate, quindi gli elettori scelgono il partito. Alle amministrative l’elettore esprime una esplicita preferenza. Se alle elezioni regionali e comunali un fiume di voti si riversa su politici che possiamo definire – a voler essere benevoli – poco limpidi, la responsabilità di chi è? Solo dei partiti che li hanno messi in lista o anche degli elettori che li hanno votati? Non credo che la cosiddetta società civile sia poi tanto diversa dalla classe politica che esprime.

 

Vittorio Gervasi

 

da Il Tempo, giovedì 20 settembre 2012, rubrica “Lettere&Commenti”

SCANDALI E RUBERIE. GLI ITALIANI NON SONO MIGLIORIultima modifica: 2012-09-20T07:23:00+02:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a SCANDALI E RUBERIE. GLI ITALIANI NON SONO MIGLIORI

Lascia un commento