CASO RUBY. TRA PECCATO E REATO…

Avvenire_17_02_2011.png

Non tutti i peccati sono reato, e non tutti i reati sono peccato. Se siamo uno stato laico, peccato e reato non possono essere sempre sinonimi. In questi giorni in molti sembrano averlo improvvisamente dimenticato. Bello opporsi ai vizi, ma praticando le virtù contrarie, non certo urlando nelle manifestazioni di piazza. A chi oggi si autoproclama puro, voglio ricordare che già la storia ci ha insegnato che arriva uno sempre più puro che, con la stessa logica, mette in discussione i predecessori. Evitiamo di aggiungere confusione ad una battaglia politico giudiziaria in atto. Anche se, a ben guardare,  di politico e di giudiziario ci sta rimanendo ben poco.

 

 

 

 

 

Vittorio Gervasi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fonte: Avvenire, giovedì 17 febbraio 2011 – rubrica “a voi la parola”

CASO RUBY. TRA PECCATO E REATO…ultima modifica: 2011-02-17T07:20:00+01:00da gervasi1
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Lettere al direttore e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento